Ambiente, se Enel sposa Legambiente

Un giornata di lavoro non convenzionale, lontano da scrivania, smartphone o dal luogo dove si presta servizio. Parte il nuovo programma di volontariato Enel che nel 2019 vedrà la collaborazione con quattro organizzazioni non profit italiane (Legambiente, Marevivo, Moige, Quartieri Tranquilli) e il coinvolgimento di più di 700 dipendenti, che potranno dedicare il proprio tempo a uno dei progetti proposti.

A Cagliari il prossimo 8 aprile, 50 dipendenti Enel parteciperanno alla campagna di Legambiente "Puliamo il Mondo" per la riqualificazione delle aree urbane contribuendo attivamente alla pulizia del Parco di Molentargius (allo stesso modo vi saranno altri interventi nel corso di aprile a Roma, Torino, Bologna, Venezia, Napoli, Firenze, Palermo, Milano).

L'Enel sta promuovendo anche altre iniziative di volontariato: sempre nel mese di aprile inizierà la collaborazione con il Moige - Movimento Italiano Genitori nell'ambito del progetto "Giovani Ambasciatori contro il bullismo e il cyberbullismo". Prima di Pasqua sarà il turno di "Illuminiamo le Tavole", promosso dall'Associazione Quartieri Tranquilli. Il progetto, nato nel 2015, ha già dato sostegno a più di 200 famiglie in difficoltà economica dei quartieri più disagiati di Milano. Enel offre un appoggio logistico per lo stoccaggio di cibi donati da grandi aziende del settore e la partecipazione dei suoi dipendenti volontari per il confezionamento di borse alimentari e la consegna con le auto elettriche aziendali.

In prossimità dell'estate, infine, partirà "Occhio ai Rifiuti" con Marevivo, il progetto che ha l'obiettivo di rendere più pulite le zone costiere con azioni di riqualificazione ambientale. I volontari Enel saranno coinvolti nelle giornate dedicate alla pulizia di spiagge e argini di fiume e parteciperanno a lezioni di educazione ambientale dedicate in particolare alla protezione degli ambienti marini da plastiche e microplastiche.